Jon Favreau ci parla di “Iron Man 3,” elogia Joss Whedon per gli Avengers e guida “Revolution.” – Un’intervista da The Hollywood Reporter.

Il produttore-regista ci dà qualche anticipazione sulle scommesse sci-fi sia sul grande che sul piccolo schermo.


In mezzo al trambusto scatenato dall’incasso di The Avengers, che ha raggiunto il miliardo di dollari al box-office, è facile dimenticarsi del fatto che, se non fosse stato per un uomo, il sonoro boom dei supereroi non sarebbe mai accaduto in primo luogo. Ed è ancora più facile farlo, se consideriamo che Jon Favreau, i cui film di Iron Man di mega successo hanno dato l’inizio all’alleanza degli eroi della Marvel del calibro di Hulk, non ha partecipato a molta auto-promozione, nemmeno quando gli è stata data la possibilità.

Tuttavia, ci parlerà in dettaglio dei suoi progetti all’orizzonte.

Continua a leggere

Annunci

ABC: News dai network americani per il palinsesto 2012-13

La ABC, per il palinsesto 2012-2013, ha deciso di fare una pazzia proponendo ben dieci nuove serie televisive al proprio pubblico.

666 Park Avenue parla di un’innocente coppia del Midwest (Dave Annable e Rachel Taylor) che viene assunta come direttrice di un palazzo di appartamenti nell’Upper East Side a New York il quale appartiene ad un terzo protagonista che viene interpretato da Terry O’Quinn (Lost). A loro insaputa, gli inquilini hanno stretto patti con il Diavolo per far sì che tutti i loro desideri vengano avverati. David Wilcox ha adattato la serie di libri di Gabrielle Pierce e fa da produttore esecutivo insieme a Leslie Morgenstein e Gina Girolamo. Invece una delle guest-star è Erik Palladino.

Continua a leggere

CW e CBS: News dai network americani per il palinsesto 2012-13

La CW ha ordinato cinque nuove serie, tra le quali spiccano il prequel di Sex and The City e le origini della storia di Freccia Verde.

Basato dal romanzo di Candace BushnellThe Carrie Diaries ritrae una più giovane Carrie Bradshaw (AnnaSophia Robb) nel pieno degli anni Ottanta, che si pone le prime domande sull’amore, sul sesso, sull’amicizia e sulla famiglia mentre esplora i diversi mondi del liceo e di Manhattan. Bushnell e Josh Schwartz (Gossip Girl) fanno da produttori esecutivi a questa nuova serie ideata da Stephanie Savage, Len Goldstein e Amy Harris (già scrittrice della sceneggiatura di Sex and The City). Questo nuovo prodotto vedrà anche la presenza di altri attori co-protagonisti quali Stefania OwenAustin Butler (Switched at Birth), Matt LetscherBrendan Dooling, Freema Agyeman, Katie Findlay, Chloe Bridges ed Ellen Wong.

In ArrowStephen Amell (per intenderci il paramedico Scott nell’ultima serie di Private Practice ndr.) interpreta un supereroe della DC ComicsFreccia Verde, in questa moderna rielaborazione delle leggendarie avventure dell’arciere. Greg Berlanti (Brothers and Sisters) e Marc Guggenheim faranno da produttori esecutivi insieme ad Andrew Kreisberg (The Vampire Diaries). Altri attori co-protagonisti sono Katie Cassidy, Willa Holland,David Ramsey, Paul Blackthorne, Jamey Sheridan, Colin Donnell e Susanna Thompson.

Continua a leggere

NBC e FOX: News dai network americani per il palinsesto 2012-13

Il canale statunitense NBC ha rilasciato i primi trailer delle undici nuove serie previste per il palinsesto 2012-13.

Tra i quattro ‘drama’ sono presenti un thriller di J.J.Abrams in collaborazione con Eric Kripke (Supernatural) – Revolution – che mostra al pubblico cosa può accadere in un mondo in cui l’elettricità cessa all’improvviso di funzionare, uno sui vigili del fuoco – Chicago Fire – dell’ideatore di Law & Order SVU Dick Wolf, e un moderno riadattamento di Dr. Jekyll e Mr. Hyde – Do No Harm.

Il network sembra però puntare più in alto con le commedie: tra queste vanno menzionate una su una famiglia gay – The New Normal – dal creatore di Glee Ryan Murphy; una sui lavori svolti alla Casa Bianca – 1600 Penn – e quindi sulla famiglia del Presidente (che viene impersonato da Bill Pullman); infine una che prevede la reunion tra l’attore Matthew Perry e l’autore Scott Silveri i quali, dopo aver lavorato insieme in Friends, presentano al pubblico Go On.

Continua a leggere

SPOILER: Mark Gatiss rivela alcuni dettagli della nuova stagione di Sherlock (BBC)

Il co-creatore di Sherlock, Mark Gatiss, ha rivelato quale racconto aprirà la terza stagione.

Lo scrittore, che interpreta anche Mycroft nel drama targato BBC, ha affermato che il primo episodio sarà basato su L’avventura della casa vuota. Il racconto di Conan Doyle viene cronologicamente dopo L’ultima avventura, che vede l’apparente salto verso la morte del detective in seguito ad una resa dei conti con Moriarty. Il finale mozzafiato della seconda stagione è basato su questo racconto e ha lasciato i fan disperati nel dubbio sul come il detective sia riuscito a fingere la sua morte così pubblicamente.

Gatiss ha dichiarato: “Ci sono alcune cose su L’avventura della casa vuota che sembrano essere marchiati a fuoco perché riguardano il modo in cui Sherlock ritorna, ma allo stesso tempo ci sentiamo liberi di inventare e di introdurre nuovi elementi nella serie.”

Ha suggerito che Watson, interpretato da Martin Freeman, potrebbe non essere così contento di rivedere il suo amico: “Ho sempre trovato che lo svenimento di Watson fosse improbabile – al contrario di un più probabile flusso di insulti e imprecazioni”. Gatiss ha aggiunto che sui due racconti rimanenti nelle serie non è stata ancora presa alcuna decisione, ma potrebbe essere dettata dalla ‘percezione complessiva’: “Io e Steven [Moffat] abbiamo i nostri preferiti, ma in realtà è una questione che riguarda cosa andrà bene nella struttura.”

I nuovi episodi di Sherlock non verranno girati prima degli inizi del 2013.


Sourcehttp://www.nme.com/filmandtv/news/mark-gatiss-reveals-sherlock-series-three-details/267415

Michelle Williams è aperta all’idea di una possibile reunion del cast di Dawson’s Creek

Domenica 22 aprile, alla premiere di Take This Waltz al Tribeca Film FestivalMichelle Williams oltre a parlare del nuovo film che la vede come protagonista si è impegnata a rispondere con premura alle domande che i giornalisti le hanno posto in merito ad una possibile reunion del cast di Dawson’s Creek, la serie che l’ha lanciata e resa famosa. Ha affermato di essere aperta all’idea, e anche quando le hanno chiesto il suo parere a proposito di Don’t Trust the B- – In Apartment 23, la nuova comedy targata ABC in cui James Van Der Beek interpreta sé stesso, ha fatto capire che il suo ex-collega ed amico la pensi allo stesso modo. L’attrice di Marylin è a disposizione per qualsiasi forma di reunion; addirittura, con la sua migliore amica Busy Phillips, Laurie di Cougar Town, parlano sempre di quanto le piacerebbe ottenere una parte da guest-star nella serie, ma per via dei suoi continui spostamenti tra Los Angeles e New York non è ancora accaduto.

Non ci resta che sperare di rivederla anche nel piccolo schermo!

Fontehttp://www.vulture.com/2012/04/michelle-williams-is-open-to-a-dawsons-reunion.html/

American Horror Story: rivelata la nuova location.

Negli ultimi giorni, Ryan Murphy ha riportato nuovi dettagli riguardanti la seconda stagione di American Horror Story all’ Hollywood Reporter. Il più evidente tra questi vede la conferma dell’entrata nel cast di Adam Levine, frontman dei Maroon 5 e giudice della trasmissione musicale The Voice. Lo vedremo affiancato da una presenza femminile e i due personaggi insieme verranno chiamati ‘The Lovers’ (Gli amanti).

La nuova stagione vedrà l’apparizione di nuovi membri nel cast ma anche il ritorno di quelli già presenti nella prima inclusi Jessica Lange, Zachary Quinto, Evan Peters, Sarah Paulson e Lily Rabe, anche se si ritroveranno ad interpretare ruoli completamente diversi.

Altro particolare succulento rivelato dall’autore riguarda la nuova location, un istituto di igiene mentale della East Coast statunitense, mentre ancora non è stato definito lo spazio temporale in cui verranno collocate le nuove vicende. Potrebbe essere uno sci-fi ambientato nel 2112 o ancora uno show in costume. Niente, da questo punto di vista, è dato ancora per certo fatta eccezione per l’idea che per coloro che sono coinvolti nel progetto ci sarà da divertirsi.

Joss Whedon insiste sulla realizzazione di Ripper (del 19-04-2012)

Joss Whedon ha dichiarato a The AV Club che lo spin-off di Buffy l’ammazzavampiri, Ripper – le cui riprese originariamente sarebbero dovute essere in Inghilterra, e si sarebbe dovuto incentrare su Rupert Giles, il personaggio interpretato da Anthony Head – potrebbe ancora essere realizzato. Potrebbe però distaccarsi completamente da Buffy e da Rupert Giles. Ad ogni modo, sarebbe comunque interpretato da Anthony Head (se disponibile).

Anthony Stewart Head, attore prescelto per Ripper

“Il problema è che la BBC ad un certo punto mi ha detto ‘non deve essere per forza Ripper. Potrebbe semplicemente essere con lui, con una componente magica, perché Tony è fantastico”, ha riferito Whedon a The AV Club (più o meno le stesse cose che ha dichiarato a SFX nel 2010).

Poi continua: “E questo è il punto: per qualche ragione, Anthony, diventa più sexy ogni anno che passa. A me non succede! E la storia di Ripper parla di un uomo maturo che ha vissuto a lungo, e delle decisioni che ha preso. Quindi potremmo girarlo adesso, o tra 10 anni. E ho torturato Tony più di ogni altro essere vivente dicendogli ‘Dobbiamo assolutamente farlo!’. Perché pensavo che fossimo sul punto di girarlo.  Sta lavorando così tanto, però, mi sentirei troppo in colpa. Ma questo è l’aspetto più importante di Ripper: non smetterò di pensarci perché lui è perfetto per il ruolo, e potrebbe ancora farcela”.

Quindi non si può considerare veramente una notizia, ma è bene sapere che il progetto è qualcosa a cui Whedon sta ancora lavorando. A meno che questo non sia un esempio di quello che le persone chiamano “Whedon’s humor” e ha semplicemente deciso di creare il tormentone più duraturo nella storia della TV.

(Fonte: http://www.sfx.co.uk/2012/04/19/buffy-spin-off-ripper-could-still-happen-teases-joss-whedon/ )

Fringe: fine o nuovo inizio?

In settimana la Fox comunicherà ai fan di Fringe se la serie avrà una quinta, e conclusiva, stagione.
Nel frattempo la quarta è ormai agli sgoccioli, e un’intervista esclusiva di Tvline (tvline.com) agli attori John Noble e Joshua Jackson ci svela importanti novità. I protagonisti hanno raccontato che Abrams avrebbe preparato due finali alternativi per la quarta stagione: uno conclusivo, nel caso in cui la serie sci-fi non riuscisse ad avere un seguito; e l’altro con nuovi colpi di scena, che tengano i numerosi appassionati ancora una volta col fiato sospeso. 
Joel Wyman, produttore della serie, in un tweet ha annunciato che, in caso di rinnovo, gli episodi della quinta stagione non saranno 22 (come per la terza e la quarta) ma 13.  
In ogni caso i fan possono stare tranquilli: tutte le loro domande troveranno una risposta, così ha assicurato Noble.
Non ci resta che aspettare! 

The Walking Dead: i romanzi

Ottime notizie per gli appassionati della serie tv con protagonisti gli zombi: la Thomas Dunne Books Publisher ha annunciato che pubblicherà il secondo romanzo basato sulla famosa serie a fumetti. L’uscita è prevista per il 16 ottobre 2012, in concomitanza con l’attesissima terza stagione, in onda sulla ABC.

Il romanzo è stato scritto da Robert Kirkman (creatore della serie a fumetti e sceneggiatore di quella televisiva) e il suo collaboratore Jay Bonansinga, proprio come era accaduto per il primo libro, Rise of the Governor,  che in Italia è stato pubblicato da Panini Comics il 19 gennaio 2012. Protagonista è il Governatore, un  personaggio complesso e molto amato dai lettori della serie a fumetti.

Ecco la sinossi tratta dalla quarta di copertina:
” Scritto dal creatore di The Walking Dead e dall’autore di thriller Jay Bonansinga, questo romanzo racconta le origini di uno dei più noti personaggi della serie: il Governatore. Sono passate meno di settantadue ore da quando un evento inspiegabile ha dato inizio ai primi… cambiamenti. Il mondo si è trasformato in un vero e proprio inferno dove i morti che camminano infestano le strade massacrando tutti i vivi che incontrano. Nessun posto sembra sicuro. Philip Blake decide di scappare dalla sua piccola città e lo fa per realizzare il solo, unico scopo della sua vita: proteggere la sua figlia piccola Penny. È disposto a fare qualsiasi cosa per assicurarsi che lei sopravviva. Insieme a Nick e Bobby, due suoi amici dei tempi di scuola, e a suo fratello Brian, Philip decide di dirigersi verso la città di Atlanta dove, si dice, sono stati allestiti dei campi sicuri per i sopravvissuti. Ma tra il piccolo gruppo e la salvezza ci sono centinaia di morti che camminano, e la strada che Philip e compagni dovranno percorrere passa proprio in mezzo a loro…”

Il secondo romanzo riprende il filo della storia lasciata in sospeso nel primo, e il titolo sarà The Walking Dead: The Road to Woodbury. Durante la promozione di Rise of the Governor, Kirkman aveva detto: “Ho sempre visto Rick e il Governatore come due facce della stessa medaglia e se Rick avesse scelto un certo percorso avrebbe potuto finire esattamente come quel ragazzo. E così mi è venuta in mente una storia di come divenne quel ragazzo e che cosa fece di lui una persona tanto malvagia.”

La lettura di Rise of the Governor appare come un ottimo modo per non rimanere a corto di zombi e  ingannare un’attesa, che sino ad ottobre sembra veramente lunga.