Flying Colors (e il nuovo Portnoy)

Dall’unione di musicisti pluripremiati, produttori e tecnici visionari, ecco a voi i Flying Colors:

  • Mike Portnoy – Batteria, percussioni (Dream Theater, Transatlantic, Yellow Matter Custard, Avenged Sevenfold – fortunatamente per poco tempo ndr.)
  • Neal Morse – Tastiere, Pluristrumentista (Spock’s Beard, Transatlantic)
  • Casey McPherson – Voce (Endochine, Alpha Rev)
  • Dave LaRue – Basso (Steve Morse Band, Dixie Dregs, e con chitarristi quali Joe Satriani, John Petrucci, Steve Vai)
  • Steve Morse – Chitarra (Steve Morse Band, Dixie Dregs, Kansas, Deep Purple)

Tutto nasce da un’idea di Bill Evans, produttore esecutivo, secondo cui Continua a leggere

Annunci

The Lady (Luc Besson, 2011)

<<C’era una volta una bellissimo paese: la Birmania. Ovunque andavi c’erano foreste di teck e di ebano, tigri nelle giungle e mandrie di elefanti nelle pianure. Bellissimi zaffiri blu come il cielo, rubini rossi come le guance delle donne. Gioielli che anche una principessa si sognerebbe.>>

<<E poi?>>

<<In realtà questa è una storia triste. Sono arrivati dei soldati da molto lontano e hanno rubato tutto ciò che c’era di prezioso. Così siamo diventati molto poveri.>>

Il regista parigino Luc Besson con The Lady – uscito nelle sale italiane il 23 marzo 2012, a pochi giorni di distanza dalle nuove elezioni in Birmania – ha voluto portare sul grande schermo la vita vissuta sino ad ora da Aung San Suu Kyi.

Continua a leggere

Avengers Assemble!

I Vendicatori hanno “spaccato” il botteghino italiano, guadagnando ben 2.740.378 euro, compresi gli incassi delle varie anteprime. Ci regalano circa 140 minuti di film in cui tutto è ben misurato, calibrato, dosato: gli scontri, le battute, la tensione, le armature, la battaglia finale.

Continua a leggere

Adam McKay su Anchorman 2. Il sequel sarà ambientato nel 1978.

Abbiamo eccitanti novità dalla squadra di Channel Four News.

Come tutti sapete, sta per arrivare Anchorman 2, e, a questo riguardo, Empire ha parlato con l’autore/regista Adam McKay per estorcergli qualche informazione interessante sul progresso del sequel.

The Channel Four News Team - Anchorman (da sinistra: Steve Carrell, Paul Rudd, Will Ferrell, David Koechner)

Per cominciare dal principio, McKay ci ha aggiornati sull’avanzamento del copione: “Abbiamo scritto circa il 2%! L’1,5%? Siamo arrivati a 5 pagine di appunti e brandelli della storia complessiva. Continueremo a scrivere per i prossimi tre mesi.” Continua a leggere

Il Castello Nel Cielo (1986 – 2012): la natura, la scienza e lo sfruttamento dell’uomo.

E’ uscito questi giorni nelle sale italiane Il Castello Nel Cielo, scritto e diretto da Hayao Miyazaki. Il film è stato ridoppiato per essere ridistribuito, in quanto il suo anno di produzione è 1986 con il nome di Laputa – Castello nel cielo (Tenkū no shiro Rapyuta).

Continua a leggere

Bel Ami: Storia di un Seduttore.

Parigi, fine del XIX secolo. Georges Duroy è un giovane ex-soldato della campagna d’Algeria e una sera incontra casualmente in un bar un suo ex commilitone, Charles Forestier, che gli regala del denaro per comprarsi un vestito buono e presentarsi, la sera dopo, a cena da lui. Il ragazzo ha così modo di conoscere la moglie di Forestier, Madeleine, l’editore Rousset con la moglie Virginie e la giovane Clotilde. Sarà proprio la figlia di quest’ultima a soprannominarlo “Bel Ami”. Le tre donne, catturate dalla sua bellezza un pò noir e decadente,  si  infatueranno dell’avvenente giovane, che riuscirà, tramite bugie e sotterfugi e, calpestando i sentimenti di ognuna, a farsi strada nei salotti dell’alta società francese, deciso ad abbandonare per sempre la sua condizione di estrema povertà.

https://i1.wp.com/mr.comingsoon.it/imgdb/locandine/big/47734.jpg

Continua a leggere

Michelle Williams è aperta all’idea di una possibile reunion del cast di Dawson’s Creek

Domenica 22 aprile, alla premiere di Take This Waltz al Tribeca Film FestivalMichelle Williams oltre a parlare del nuovo film che la vede come protagonista si è impegnata a rispondere con premura alle domande che i giornalisti le hanno posto in merito ad una possibile reunion del cast di Dawson’s Creek, la serie che l’ha lanciata e resa famosa. Ha affermato di essere aperta all’idea, e anche quando le hanno chiesto il suo parere a proposito di Don’t Trust the B- – In Apartment 23, la nuova comedy targata ABC in cui James Van Der Beek interpreta sé stesso, ha fatto capire che il suo ex-collega ed amico la pensi allo stesso modo. L’attrice di Marylin è a disposizione per qualsiasi forma di reunion; addirittura, con la sua migliore amica Busy Phillips, Laurie di Cougar Town, parlano sempre di quanto le piacerebbe ottenere una parte da guest-star nella serie, ma per via dei suoi continui spostamenti tra Los Angeles e New York non è ancora accaduto.

Non ci resta che sperare di rivederla anche nel piccolo schermo!

Fontehttp://www.vulture.com/2012/04/michelle-williams-is-open-to-a-dawsons-reunion.html/

Mirror Mirror delle mie brame!

C’era una volta in un Regno incantato una bellissima principessa, con la pelle bianca come la neve e i capelli neri come la notte, il suo nome era Biancaneve. Purtroppo la dolce principessa, in tenera infanzia, rimase orfana di madre e il suo amato padre, il Re, si risposò con una Regina, tanto bella quanto cattiva. Aihmè, un brutto giorno il Re scomparve, e la perfida moglie assunse il controllo del regno, portandolo in rovina, e imprigionò la bellissima Biancaneve nella torre più alta. Il giorno in cui la principessa compì 18 anni, spinta dalla servitù, uscì di nascosto dal castello per vedere con i propri occhi com’era ridotto il suo povero popolo. Nel cammino incontrò, e conquistò, un affascinante, ricco e non propriamente intelligente Principe che era di passaggio. La dolce Biancaneve gli chiese aiuto per salvare il regno, ma la perfida Regina, che aveva ben altri piani per e con quel giovane Principe, in preda alla gelosia e all’invidia, spedì la ragazza nella vicina foresta, perchè venisse data in pasto alla terribile bestia che da anni terrorizzava il Regno. Biancaneve, creduta morta, trovò ospitalità presso una simpatica banda di sette nanetti ribelli, ma tanto buoni, che la aiutarono a trovare il coraggio di lottare per salvare il suo paese dalla Regina Cattiva. Insieme ai suoi nuovi amici, Biancaneve partì alla riconquista del suo trono, che le spettava di diritto, e del cuore del suo adorato Principe…

https://i0.wp.com/static.blogo.it/cineblog/mirror-mirror-una-manciata-di-nuove-locandine-per-la-biancaneve-di-tarsem-singh/mirror_mirror_ver6.jpg

Continua a leggere

Nuovi progetti per Darren Aronofsky

Il regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense Darren Aronofsky, dopo il successo de Il cigno nero, ha già in serbo due nuovi progetti.

Il primo riguarda Noah, film che racconterà la storia biblica dell’Arca di Noé, il cui rilascio è previsto per il 28 marzo 2014 da parte della Paramount. La produzione del film, il cui budget è di ben 150 milioni di dollari, comincerà ad essere realizzata tra l’Islanda e New York a partire da luglio. Vedrà come protagonista principale Russel Crowe (che ultimamente è impegnato nelle riprese de Les Miserables) e persistono già le voci che potrebbero entrare a far parte del cast anche Saoirse Ronan (che presto vedremo in The Host) e Jennifer Connelly (che ha già lavorato in precedenza con Aronofsky in Requiem for a Dream).

Il secondo invece riguarda la sua intenzione di dirigere un film sulla vita del primo presidente americano George Washington (che verrà probabilmente intitolato The General) e corre voce che sia interessata a  distribuirlo la stessa Paramount.

Fontehttp://www.guardian.co.uk/

To Rome With Love (Woody Allen, 2012)

Il  20 aprile è arrivata nelle sale italiane, in anteprima mondiale, To Rome With Love, una nuova pellicola targata Woody Allen. Inizialmente si sarebbe dovuto intitolare Nero Fiddled e poi The Bop Decameron, e avrebbe dovuto includere la partecipazione di più registi che dovevano far capo a differenti episodi, come nei casi di New York, I love you o Paris Je t’aime. Allen infine ha proseguito nella direzione dell’approccio vignettistico, decidendo di dirigere tutti i segmenti da sé.

Continua a leggere