Intervista agli Heymoonshaker per F.R.A.D.E.S. 2012

Il 15 luglio, in occasione del decimo anniversario dell’associazione culturale F.R.A.D.E.S., si è esibito a Serramanna (VS) il gruppo dubstep blues inglese Heymoonshaker. Andy Balcon (chitarra e voce) e Dave Crowe(beatbox) sono atterrati a Cagliari il 15 luglio, direttamente dal loro ultimo concerto a Cahors (sud-ovest della Francia), per poi ripartire la mattina del 17 luglio verso Lugano (Svizzera), in cui si esibiranno il 20 luglio per proseguire il tour.

Il concerto (seguito da quello del gruppo reggae Train to Roots) è durato poco più di un’ora, e i musicisti sono riusciti a coinvolgere il pubblico nonostante le barriere linguistiche.
Dave, estroverso ed espansivo, cerca di comunicare e interagire con il pubblico in tutti i modi; Andy, più introverso e riservato, lascia che siano le canzoni a parlare per lui, interpretandole con estrema passione e trasporto.
Oltre al genere, gli Heymoonshaker si differenziano da molti altri musicisti perché Continua a leggere

Annunci

Norah Jones’ Little Broken Hearts (2012)

Ricorderete tutti Norah Jones, quella di Come away with me (2002), Feels like home (2004), Not Too Late (2007)…ecco, adesso che l’avete ricordata, dimenticatela. Dopo il leggero cambiamento di rotta introdotto da The Fall (2009), la Norah Jones che ci propone Little Broken Hearts, il quinto album uscito il 2 maggio 2012 in Italia, è nuova di zecca.  Infatti non si può considerare nemmeno lontanamente come elemento appartenente alla categoria Jazz, tantomeno al Folk o al Blues al quale eravamo abituati. No, questo la vede protagonista della scena indie-pop del momento, soprattutto con un produttore come Brian “Danger Mouse” Burton (Gnarls Barkley, Black Keys).

Norah Jones’ Little Broken Hearts poster

Continua a leggere

Flying Colors (e il nuovo Portnoy)

Dall’unione di musicisti pluripremiati, produttori e tecnici visionari, ecco a voi i Flying Colors:

  • Mike Portnoy – Batteria, percussioni (Dream Theater, Transatlantic, Yellow Matter Custard, Avenged Sevenfold – fortunatamente per poco tempo ndr.)
  • Neal Morse – Tastiere, Pluristrumentista (Spock’s Beard, Transatlantic)
  • Casey McPherson – Voce (Endochine, Alpha Rev)
  • Dave LaRue – Basso (Steve Morse Band, Dixie Dregs, e con chitarristi quali Joe Satriani, John Petrucci, Steve Vai)
  • Steve Morse – Chitarra (Steve Morse Band, Dixie Dregs, Kansas, Deep Purple)

Tutto nasce da un’idea di Bill Evans, produttore esecutivo, secondo cui Continua a leggere

Adam McKay su Anchorman 2. Il sequel sarà ambientato nel 1978.

Abbiamo eccitanti novità dalla squadra di Channel Four News.

Come tutti sapete, sta per arrivare Anchorman 2, e, a questo riguardo, Empire ha parlato con l’autore/regista Adam McKay per estorcergli qualche informazione interessante sul progresso del sequel.

The Channel Four News Team - Anchorman (da sinistra: Steve Carrell, Paul Rudd, Will Ferrell, David Koechner)

Per cominciare dal principio, McKay ci ha aggiornati sull’avanzamento del copione: “Abbiamo scritto circa il 2%! L’1,5%? Siamo arrivati a 5 pagine di appunti e brandelli della storia complessiva. Continueremo a scrivere per i prossimi tre mesi.” Continua a leggere

Joss Whedon insiste sulla realizzazione di Ripper (del 19-04-2012)

Joss Whedon ha dichiarato a The AV Club che lo spin-off di Buffy l’ammazzavampiri, Ripper – le cui riprese originariamente sarebbero dovute essere in Inghilterra, e si sarebbe dovuto incentrare su Rupert Giles, il personaggio interpretato da Anthony Head – potrebbe ancora essere realizzato. Potrebbe però distaccarsi completamente da Buffy e da Rupert Giles. Ad ogni modo, sarebbe comunque interpretato da Anthony Head (se disponibile).

Anthony Stewart Head, attore prescelto per Ripper

“Il problema è che la BBC ad un certo punto mi ha detto ‘non deve essere per forza Ripper. Potrebbe semplicemente essere con lui, con una componente magica, perché Tony è fantastico”, ha riferito Whedon a The AV Club (più o meno le stesse cose che ha dichiarato a SFX nel 2010).

Poi continua: “E questo è il punto: per qualche ragione, Anthony, diventa più sexy ogni anno che passa. A me non succede! E la storia di Ripper parla di un uomo maturo che ha vissuto a lungo, e delle decisioni che ha preso. Quindi potremmo girarlo adesso, o tra 10 anni. E ho torturato Tony più di ogni altro essere vivente dicendogli ‘Dobbiamo assolutamente farlo!’. Perché pensavo che fossimo sul punto di girarlo.  Sta lavorando così tanto, però, mi sentirei troppo in colpa. Ma questo è l’aspetto più importante di Ripper: non smetterò di pensarci perché lui è perfetto per il ruolo, e potrebbe ancora farcela”.

Quindi non si può considerare veramente una notizia, ma è bene sapere che il progetto è qualcosa a cui Whedon sta ancora lavorando. A meno che questo non sia un esempio di quello che le persone chiamano “Whedon’s humor” e ha semplicemente deciso di creare il tormentone più duraturo nella storia della TV.

(Fonte: http://www.sfx.co.uk/2012/04/19/buffy-spin-off-ripper-could-still-happen-teases-joss-whedon/ )

The Swell Season: quando film e musica si fondono (ancora una volta)

Molti sostengono che il film-documentario The Swell Season, diretto da Nick August-Perna, Chris Dapkins e Carlo Mirabella-Davis, parli prima di tutto della fine della relazione tra Glen Hansard e Marketa Irglova, i componenti del duo da cui prende il nome il film – oltre che da un romanzo di Josef Skvorecky.
Il film racconta anche questo, ma in realtà c’è molto di più.

Continua a leggere

Settimana a tema: zombie. Shaun of the Dead

Come reagirebbe un inetto abitudinario all’attacco degli zombie? Se non ve lo siete mai chiesti, allora vi consiglio di guardare Shaun of the Dead (in italiano L’alba dei Morti Dementi).

Shaun of the Dead - Una commedia romantica. Con gli zombie.

Il film britannico del 2004, diretto da Edgar Wright, vuole essere un omaggio in chiave horror-comica ai cult di Romero, quali Dawn of the Dead (conosciuto internazionalmente anche con il titolo Zombi), Night of the Living Dead (in italiano La notte dei morti viventi), e Day of the Dead (qui Il giorno degli Zombi).
Nonostante sia stato proiettato in soli 607 cinema a livello mondiale, ha guadagnato oltre 30 milioni di dollari, ha vinto numerosi premi, e ha ricevuto diverse nomination ai BAFTA. Continua a leggere

Film in lingua originale: The Help.

Tratto dall’omonimo best-seller della scrittrice Kathryn Stockett, adattato e diretto da Tate Taylor, The help (2011) racconta i temi del razzismo e l’ipocrisia delle famiglie perbene degli Stati Uniti del sud, a Jackson, una cittadina del Mississippi, negli anni ‘60.  

Continua a leggere

Seth MacFarlane si dà allo swing con ‘Music is better than words’

Seth MacFarlane (Kent, 26 ottobre 1973), autore, produttore e doppiatore di Family Guy, American Dad! e The Cleveland Show, fa parlare nuovamente di sé, anche se non nel modo in cui molti si aspettano.

Copertina LP Music Is Better Than Words - Seth MacFarlane

Continua a leggere