Telefilm da tenere d’occhio: American Horror Story

La Fox, nel 2011, ancora una volta, si è affidata a Ryan Murphy e al suo socio più fidato, Brad Falchuk, per sfornare una nuova serie televisiva: American Horror Story. L’ho vista tutta, dalla prima all’ultima puntata e, a parer mio, non è la solita serie televisiva americana. In molti si sbagliano a pensare che loro possano realizzare soltanto telefilm per un pubblico giovane come Glee (e ci tengo a citare tra le opere murphiniane anche Popular, un’altra perla televisiva che, quasi sicuramente, chi ha dai 19 anni in su conosce abbastanza bene). Questa nuova creatura mandata in onda su FX ne è la prova. Ritengo però che ci sia anche da sottolineare un altro particolare: in pochi sanno che, questi due sceneggiatori e produttori esecutivi, stavano anche dietro un’altra famosa “macchina spara-soldi”: Nip and Tuck.

La prima stagione di American Horror Story racconta le vicende della famiglia Harmon. I due coniugi Vivien (Connie Britton) e Ben (Dylan McDermott), a seguito del tradimento di quest’ultimo, decidono di cambiare città insieme alla loro figlia Violet (Taissa Farmiga) e da Boston partono per Los Angeles. Una volta arrivati, un’agente immobiliare propone loro una casa a buon mercato che era stata restaurata dai precedenti inquilini, una coppia omosessuale deceduta in questa stessa abitazione a causa di un omicidio/suicidio. La famiglia, rimasta affascinata dallo stile della casa e desiderosa di ritornare unita, accetta immediatamente l’offerta.

Ben, da subito, decide di aprire uno studio psichiatrico privato nella stessa casa, per stare più vicino a Vivien e per osservare più da vicino Violet, che da tempo dimostra di avere problemi di depressione. Il suo paziente principale è un adolescente, Tate (Evan Peters), che si innamora a prima vista della figlia dello psichiatra.  Il giovane fa parte della famiglia Langdon, che abita nella casa accanto, ed è composta da sua madre Constance (Jessica Lange) e da sua sorella Adelaide (Jamie Brewer), affetta da sindrome di Down. Sia la donna che i suoi due figli si mostrano da subito invadenti e onnipresenti nella vita di Ben, Vivien e Violet perchè in quella casa sono nascosti i loro più grandi segreti; ciò è in parte dovuto ai loro trascorsi da ex-inquilini. Moira O’hara invece è la  domestica che lavora per gli Harmon; si tratta di un personaggio affascinante perchè dinnanzi agli uomini si presenta come giovane e seducente (in questo ruolo viene interpretata da Alexandra Breckenridge), mentre agli occhi delle donne appare come una donna di mezz’età molto malinconica (e quest’altro suo aspetto viene interpretato da Frances Conroy).

A poco a poco avvengono degli strani incidenti, e i protagonisti cominciano ad avere particolari visioni legate alle morti violente avvenute in precedenza nella casa. E’ la stessa Vivien a scoprire che la loro abitazione viene denominata da tutti come “La Casa degli Omicidi” (“The Murder House”) più famosa di Los Angeles.

Non voglio rivelarvi altro, oltre al fatto che, nel caso in cui vi imbattiate nel telefilm, potrete notare anche la presenza di un misterioso uomo con la tutina in lattice nero.

American Horror Story, grazie alla recitazione di Jessica Lange, si è guadagnato un Golden Globe, un Satellite Award e un Screen Actors Guild Award.

Dato il sorprendente successo dovuto ad un pubblico vasto e persistente, verrà realizzata anche una seconda serie. Ryan Murphy e John Landgraf (presidente della rete televisiva FX) hanno infatti annunciato che la prossima stagione verrà ambientata in una nuova casa e vedrà come protagonisti una nuova famiglia e forse due o tre attori che hanno già partecipato nella prima serie (anche se probabilmente non ricopriranno gli stessi ruoli).

Io non vedo l’ora di vedere la seconda serie, e voi?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...