Intervista agli Heymoonshaker per F.R.A.D.E.S. 2012

Il 15 luglio, in occasione del decimo anniversario dell’associazione culturale F.R.A.D.E.S., si è esibito a Serramanna (VS) il gruppo dubstep blues inglese Heymoonshaker. Andy Balcon (chitarra e voce) e Dave Crowe(beatbox) sono atterrati a Cagliari il 15 luglio, direttamente dal loro ultimo concerto a Cahors (sud-ovest della Francia), per poi ripartire la mattina del 17 luglio verso Lugano (Svizzera), in cui si esibiranno il 20 luglio per proseguire il tour.

Il concerto (seguito da quello del gruppo reggae Train to Roots) è durato poco più di un’ora, e i musicisti sono riusciti a coinvolgere il pubblico nonostante le barriere linguistiche.
Dave, estroverso ed espansivo, cerca di comunicare e interagire con il pubblico in tutti i modi; Andy, più introverso e riservato, lascia che siano le canzoni a parlare per lui, interpretandole con estrema passione e trasporto.
Oltre al genere, gli Heymoonshaker si differenziano da molti altri musicisti perché non organizzano mai una scaletta. Loro suonano, e non c’è un secondo di pausa tra un brano e l’altro, che vengono fusi insieme attraverso improvvisazioni.

La sera dopo il concerto, in seguito ad un pomeriggio trascorso al mare, a qualche pizza, birra, sigaretta e jam session, ha avuto luogo l’intervista su un divano vecchiotto e piuttosto stretto, con due giganti ai lati (Andy e Dave) e una nana al centro (io).

Heymoonshaker a F.R.A.D.E.S. 2012
Da sinistra: Andy Balcon, Dave Crowe
Foto: Michela Medda

Da dove viene il nome del vostro gruppo, “Heymoonshaker”?
  Andy: Lavoravo in ufficio, disegnavo e facevo degli schizzi. L’ho scritto per caso.

Come vi siete conosciuti e come è nata la vostra collaborazione?
  Andy: Ci siamo incontrati per caso in Nuova Zelanda mentre giocavamo a golf. Abbiamo cominciato a parlare e così è nato tutto. Dave faceva beatbox, io suonavo blues, abbiamo improvvisato insieme e beatbox, dubstep e blues si sono fusi.

Qual è la musica che vi ha ispirato maggiormente?
  Andy: Van  Morrison, John Lee Hooker, Ali Farka Touré, Beastie Boys, Jurassic 5, Aerosmith, e tanti altri…
  Dave:  Bobby McFerrin, grande artista e persona fantastica, Ray Charles, James Brown, Muddy Waters, Howlin Wolf, Cleerence Clearwater Revival, Canned Heat, RJD2. Ma la cosa migliore è la musica classica di mattina, è l’unica cosa che riesce a comunicare con il mio subconscio, mi rilassa, come il sesso. Veramente, la cosa migliore sarebbe fare sesso di mattina mentre si ascolta musica classica.
  Andy: Oppure Billy Holiday.

In questi giorni ho potuto notare che amate stare a contatto con le persone che vi circondano ovunque siate, e vi esibite sia sul palco che per strada. La domanda è: dove preferite esibirvi?
  Andy: Quasi sempre sul palco. Ma suonare per le strade di Londra durante la notte, in mezzo a persone ubriache, è la cosa migliore.
  Dave: Non c’è una preferenza vera e propria, sono due cose diverse. Quando sei sul palco sai che il pubblico è lì per ascoltarti. Quando suoni per strada invece il tuo palco è ovunque. La differenza è che sei spronato a fare di più, e diventi nervoso, perché devi guadagnarti l’attenzione del pubblico.

Come vi sentite quando siete sul palco?
  Andy: L’emozione è grandissima, e sento un po’ di pressione…ma la verità è che sotto pressione lavoro meglio.
  Dave: Mi sento in pace con me stesso e con il mondo.

Dave, suoni un genere molto particolare e il gruppo produce musica indipendentemente dalle etichette discografiche. Come sei finito su Britain’s Got Talent?
  Dave: (ride) è stata un’idea di mio padre. Pensava che fosse un ottimo trampolino di lancio, ha compilato i moduli e tutto quello che ho dovuto fare io è stato andare alle audizioni e fare del mio meglio. Se tornassi indietro lo rifarei.
  Andy: (citando X-men) Non puoi cambiare il passato!

Domanda scomoda: cosa pensate dell’industria discografica?
  Andy: L’industria discografica non ha niente a che fare con la musica. Si occupa di controllare le esibizioni, vendere l’immagine, il prodotto. Vogliono creare il proprio prodotto, il musicista non ha alcun potere.
  Dave: È la cosa che mi rende più triste in assoluto. L’industria discografica distrugge la vera musica, rende le persone popolari, famose, inevitabili (nel senso che non puoi evitare di sentire nemmeno uno dei loro prodotti). I guadagni di una sola di quelle marionette governate dai produttori, potrebbero fare grandi cose per la vera musica. Spero che con il nostro genere, con il nostro modo di produrre e suonare si possa cambiare qualcosa in questo ambito, dall’interno. Dobbiamo ricordare che siamo tutti uguali. Fare musica non ci rende migliori degli altri, siamo tutti persone.

Non potrei essere più d’accordo.
Avete un tour incredibilmente ricco di date. Pensate di continuare a mantenere questo stile di vita per molto tempo?
  Andy: Spero che in futuro gli impegni siano anche di più.
  Dave: Voglio continuare a fare musica finché il mio corpo smetterà di funzionare.

Ultima domanda, inevitabile. Cosa avete apprezzato di più della Sardegna?
 Le persone, veramente meravigliose. E il mirto.

Le domande sono finite, volete aggiungere qualcosa?
Grazie a tutti voi, sono stati due giorni stupendi, e voi siete stati tutti molto gentili e disponibili. Non capita spesso di trovare un gruppo di ragazzi così.
   Dave: Fuck you, Bruno! Ma con affetto (mi è stato chiesto di inserirlo nell’intervista, Bruno capirà – ndr).

Per chi non conoscesse gli Heymoonshaker, qui di seguito alcuni link utili:

2 commenti su “Intervista agli Heymoonshaker per F.R.A.D.E.S. 2012

  1. Pingback: Intervista agli Heymoonshaker per F.R.A.D.E.S. 2012 | A Serramanna

  2. Pingback: Intervista agli Heymoonshaker per F.R.A.D.E.S. 2012 | Gruppo Frades

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...